Verdure al forno con “la mollichella” di Nonna: Le melanzane


Riporto qui una delle ricette di casa e dell’estate che preparava la mia nonnina! Ricetta d’estate perchè si usano verdure di stagione come zucchine , le melanzane come quelle che sto postando ora, e  i pomodori!

Oltre alla sfiziosità c’è in questo contorno la comodità che non serve sbollentare niente, si tritano le molliche, si mettono sulle verdure e si inforna! Poi è ideale anche se dovete consumare parecchio pan grattato…

Servono:

5-6 melanzane  di quelle lunghe
1 mazzetto di prezzemolo fresco
100g circa di pan grattato (vedete in base alla consistenza se più o meno)
sale
olio
1 spicchietto di aglio

FRULLARE tutti gli ingredienti insieme (tranne le melanzane) aggiungendo l’olio poco alla volta per ottenere un composto omogeneo

TAGLIARE le  melanzane (crude) nel senso della LUNGHEZZA, fare dei taglietti con il coltello

e ricoprire con le molliche spingendo un pochino x far penetrare un po’ di molliche anche all’interno , filino d’olio.

mettere in forno a 180° x una mezz’oretta, o cmq fino a che la forchetta si infilza bene nelle melanzane

mangiarle a temperatura ambiente o fredde SONO ANCORA PIù BUONEEEEEEE !!!!!!!!!! e poi si possono preparare in anticipo e si mantengono anche 2-3 giorni….se ce la fate!! 😀

 

queste squisitezze partecipano al contest di About Food, Tutto al Gratin:

tutto al gratin 14/10-24/10

Il Buffet della mia laurea: un finger food happy evening :)


Ci sono! ci sono! Sono in arrivo le foto e i racconti del 16 pomeriggio, del festeggiamento della mia Laurea in famiglia, a casa! Forse qui ero già partita, dalla felicità!!!

e a casa abbiamo continuatoooooo!! …con una festa……spumeggiante!!!

Devo fare una premessa importante, io caccavellomane abbastanza incallita, la scoperta del finger food per me è stata una sorpresa fenomenale, per i miei una rovina! Eh sì…in cucina lo spazio non è che si crea molto facilmente, ma io quel poco che è rimasto negli scomparti, negli interni cerco di riempirlo tutto!!! E quale miglior contenuto in tema finger di bicchierini, piattini, forchettine, cucchiaini, concigliette, cozze ecc? Avete fatto caso sì al vezzeggiativo? Sìììììììì tutto ino: tutto a misura di dita!

Che divertente preparare tutte le cosine, ma devo ammettere che è tanto divertente quanto faticoso! Ancora Grazie a mamma in particolare, ma anche papà, per avermi aiutato e per essersi fatti convincere all’idea del finger food-happy hour, poi divenuto un happy evening 🙂 andando un po’ contro i loro schemi di cena! Ma era da tantissimo tempo che volevo fare una fingerfoodata 🙂 Abbiamo iniziato a preparare sabato mattina per terminare lunedi pomeriggio stesso 🙂 E al contrario di quel che si direbbe in una two-days prima della discussione, dal momento in cui mi son messa a pasticciare la tensione e l’ansia sono calate, mi sono tranquillizzata!! Solo io mi potevo svegliare sabato mattina col pensiero di cuocere i pastéis 🙂

Ma ora bando alle ciance va, e andiamo al sodo!

Un’ idea di antipasto…

Tris italiano con ovolina, ciliegino, oliva verde

Pan brioche/ Panettone gastronomico farcito con:
tonno e carciofini
provolone dolce e mortadella
provolone dolce e prosciutto cotto
uovo sodo e insalata

un’idea di primo 🙂

Riso rosso alle verdure e mandorle croccanti

Tortellini alla carne conditi con  zucca e scalogno

Lasagne

Un’idea di secondo…

Nuggets di pollo
Spezzatino di vitella con piselli
Polpettone di maiale con verdurine
(mancano le foto)

Involtini di pollo e salsiccia alla finocchiella

Carote condita…ehm, condite

I Dolci della tradizione portoghese e brasiliana!

Pastéis de Nata

Arroz doce

Bolo de chocolate e leite condensado

e la torta che mi ha preparato Valeria!!!!

Grazie davvero a tutta la mia famiglia per questa giornata speciale!

Finocchi al latte…in cinque minuti


Adoro questi finocchi, mamma li fa da tantissimo tempo e io ne vado pazza.
La cosa bella è che oltre ad essere buoni sono anche velocissimi da fare,
certo, con una mia pentola amica: la pentola a pressione!

San pentolaro aiutaci tu 🙂

Ecco gli ingredienti per 4 persone:

4 finocchi grossetti
2 cucchiai di farina
50g di burro
2 bicchieri di latte
sale
noce moscata

Per prima cosa pulire i finocchi e tagliarli in 10-12 spicchi, far sciogliere il burro nella pentola e aggiungere i finocchi e far rosolare fino a doratura.
Aggiungere ora la farina e mescolare x evitare che si attacchino,

a questo punto aggiungere il latte,

la noce moscata e il sale

chiudere la pentola a pressione e aumentare la fiamma al massimo fino al “fischio”

quando diminuirete al minimo e farete cuocere x 3 minuti. Se volete potete ripassae sotto al gril x qualche minuto anche con un po’ di pangrattato, ma già così sono buonissimi con la loro cremina e soprattutto golosissimi nella loro semplicità e velocità nella preparazione!

Cenetta di (quasi) fine estate a casa mia


Beh, sono mesi che veniamo invitati da Valerietta e Riccardo, e era giunta finalmente l’ora di sfruttare le ferie dei miei….indi….casa libera per poterli ospitare! Ce l’abbiamo messa tutta per essere ospitali e far trascorrere una bella serata ai nostri amichetti di abbuffate….e non solo dai (che sennò pare brutto ;))  ed essere all’altezza della loro accoglienza :D:D:D
Quindi i Rari si sono messi all’opera e tornati da poco dalla vacanza in Salento abbiamo deciso di portare un po’ di salento in questa cena, ed ecco il menù…

quindi seguendo l’ordine:

Antipasto finger food con:
friselline con pomodorini
taralli leccesi e olive sicule
rotolini di mortadella e ricotta
olive sicule e pomodori secchi
(x i prodotti di stagione e
perchè sono state FATTE  dall’inizio alla fine,
anche la sfoglia da Raro!)
L’orto mollicoso
con le mie Verdure con la mollichella
…il tutto innaffiato con…
Novementi
2010
della cantina Menhir

e infine Ginja
vino liquoroso portoghese alle ciliegie
per accompagnare la crostata con melone e visciole

GRAZIEEEEEEEEE!!!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Verdure al forno con “la mollichella” di Nonna: Le zucchine


Eccoleeeeeeeeeeeeeeeeee finalmente riesco a postare queste buone verdurine al forno!!! Nonna le faceva sempre, e le chiamava con “la mollichella, o la mollica” per via del pan grattato

Ci faceva e come lei mia madre, sia zucchine, che melanzane che pomodori e piano piano li aggiungo
Oggi propongo la versione destrutturata visto che le zucchine che avevo erano troppo sottili per farle alla maniera classica, ma prometto che aggiungerò anche quelle la differenza è solo nella loro “costruzione” gli ingredienti sono gli stessi ma non avendo zucchine abbastanza grandi stavolta le ho fatte a rondelle e poste a strati
oltre alla sfiziosità c’è la comodità che non serve sbollentare niente, si tritano le molliche, si mettono sulle verdure e si inforna!
e poi è ideale anche se dovete consumare parecchio pan grattato…


Servono:

7 zucchine ( di almeno 2-3cm diametro x le classiche) o melanzane o pomodori
1 mazzetto di prezzemolo fresco
100g circa di pan grattato (vedete in base alla consistenza se più o meno)
sale
olio
1 spicchietto di aglio

frullare tutti gli ingredienti insieme (tranne le zucchine) aggiungendo l’olio poco alla volta per ottenere un composto omogeneo

la versione DESTRUTTURATA 🙂 mettere le rondelle di zucchine crude a strati sulla teglia oleata, sopra le molliche,ancora uno strato di zucchine e terminare con molliche,un filo d’olio e altro sale
nel caso della versione CLASSICA  invece, TAGLIARE le zucchine, o melanzane (crude) nel senso della LUNGHEZZA, fare dei taglietti con il coltello e ricoprire con le molliche spingendo un pochino x far penetrare un po’ di molliche anche all’interno , filino d’olio….

(qui le melanzane)

e mettere in forno a 180° x una mezz’oretta, o cmq fino a che la forchetta si infilza bene nelle zucchine
e sfornare

mangiarle a temperatura ambiente o fredde SONO ANCORA PIù BUONEEEEEEE !!!!!!!!!! e poi si possono preparare in anticipo e si mantengono anche 2-3 giorni….se ce la fate!! 😀

Carciofi Fritti in Pastella…sUpEr!!!!


Questa è la pastella che usiamo a casa da anni per friggere principalmente i CARCIOFI!!! E’ tratta dal libro di cucina “Il cucchiaio d’Argento”, con una piccola modifica (omissione di 2 cucchiai di grappa, ma solo perchè manca sempre, ma magari sostituiti con brandy)
Il risultato è una pastella croccante. leggera, da cotta, ma un po’ elastica da cruda in modo che abbracci bene il carciofo (o la melanzana,zucchina, ma penso anche calamari ecc), e senza bisogno di aggiungere limone per gustarli, proprio come deve essere la vera frittura!

adatta ovviamente anche per friggere altre verdure, pesce…


Ingredienti per la pastella per 2 carciofi:

150g farina 00
un pizzico di sale
1/2 bicchiere di vino (100ml)
1 cucchai i di grappa (da ricetta,o anche brandy)
1 uovo intero

2 carciofi (ottimi i “violetti”) puliti e tagliati a spicchi (8 x ogni carciofo)
olio per friggere (per doppia dose 1 litro) d’oliva o di semi di arachidi
sale

Dividete il tuorlo dall’albume e montate quest’ultimo a neve.
Setacciate la farina, aggiugnere il sale, il vino (la grappa), e cominciate a mescolare con una forchetta, aggiugnere il tuorlo, mescolare, e anche l’albume montato a neve


fino ad ottenere un composto omogeneo e un po’ elastico e lasciate riposare almeno 30 minuti (se dovesse risultare esageratamente elastico-dovuto sia alla farina o all’uovo forse troppo piccolo- aggiugner eun goccetto d’acqua

così è dopo il riposo, risulta più morbido e “rilassato”, pronto ad abbracciare i carciofi!

aggiungere i carciofi a spicchi e mescolare bene, facendoli inglobare bene alla pastella

quando si sarà scaldato l’olio-facendo la prova mettendo un goccio di pastella , se sale su in fretta facendo le bollicine è pronta- tuffate i carciofi, facendo aderire bene la pastella al carciofo
(…e sottofondo la musica di momenti di gloria….)

quando si dorano-assaggiateli mi raccomando potrebbero essere crudi dentro, quindi abbassate la fiamma, scolarli e posarli sulla carta assorbente (noi usiamo un recipiente della Tupp**** con il coperchio, ma senza chiusura ermetica, che mantiene il calore)
e salare a piacere

Eccol!!! Mamma mia, ho appena finito di mangiarli…e già mi mancano!!! Lascio la parola alle foto….anche se per ritrovarne il gusto dovete farli voi, tramite schermo ancora non si può fare!!!

Questo slideshow richiede JavaScript.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: